QuiFinanza
QuiFinanza
Prestiti personali  |  Cessione del quinto  |  Prestiti auto  |  Crediti revolving  |  Consolidamento debiti  |  Guide e strumenti
powered by PrestitiOnline

Prestiti, condizioni favorevoli anche per i pensionati

14/04/2015

cessione del quinto

Gli istituti di credito ampliano l’offerta e propongono prodotti finanziari rivolti a clienti appartenenti a speciali categorie.

I prestiti ai pensionati sono finanziamenti concepiti per coloro che ricevono una rendita vitalizia, che garantiscono condizioni più favorevoli rispetto a quelli destinati ai lavoratori dipendenti grazie a convenzioni concluse da alcuni istituti previdenziali con gli stessi intermediari.

Le forme previste sono il Prestito Personale e la Cessione del Quinto della Pensione.

Il primo è un finanziamento non finalizzato, che può essere richiesto senza informare l’istituto di credito sulla destinazione del prestito: è concesso a clienti che abbiamo un’età massima di 80 anni ed è rimborsabile a rate mensili e a tasso fisso; l’erogazione avviene entro 24 ore tramite bonifico bancario o bonifico domiciliato.

Ipotizzando la richiesta di una somma pari a 3.000 euro da restituire in 24 mesi, tre proposte convenienti di PrestitiOnline sono quelle di Smartika, Fiditalia e RataWeb. Con Smartika la rata mensile è di euro 137,32 con un TAN fisso pari a 5,3% e un TAEG del 9,59%: l’attivazione del prestito prevede una spesa iniziale di 75 euro.

Fiditalia propone una quota mensile pari a 136,64 euro, con un TAN - anche qui fisso - all'8,7% e un TAEG al 9,83%, ma con una spesa iniziale più contenuta: solo 16 euro.

Importi simili anche per RataWeb, che richiede una rata di 136,85 euro, con TAN e TAEG rispettivamente all' 8,85% e al 9,86%: anche in questo caso la spesa iniziale è di 16 euro.

Il prestito con la cessione del quinto è invece un finanziamento che prevede una rata massima pari a un 1/5 dell’importo netto della pensione: la legge prevede l'obbligatorietà della copertura assicurativa che interverrà in caso di morte del cliente estinguendo il debito residuo. La quota viene detratta direttamente dall’Ente Previdenziale e sarà compito di quest’ultimo versare l’importo mensile alla finanziaria o alla banca. La durata del finanziamento può variare tra i 24 e i 120 mesi e per alcuni istituti di credito può terminare entro i 90 anni di età del pensionato.

Un esempio di prodotto di questo tipo sul mercato è il Prestito per Pensionati di BNL Paribas che permette di richiedere un massimo di 90 mila euro, con un TAN del 7,68% e un TAEG del 9,85%. Può essere richiesto non solo da tutti i pensionati Inps, ma anche da quelli di altri istituti di previdenza. 

Importi più contenuti per il Prestito Pensione Quinto Più di Unicredit, che permette di richiedere fino a 69 mila euro da restituire sempre in un periodo massimo di 10 anni: la rata mensile viene trattenuta direttamente dal cedolino paga e non sono richieste ulteriori garanzie oltre alla pensione.

Intesa Sanpaolo, invece, propone il Prestito Pensionati Inps, che prevede come età massima di accesso 83 anni e 85 anni alla scadenza del finanziamento, con un piano di rimborso da 24 mesi; la rata minima è di 80 euro mensili, mentre l’importo finanziabile varia dai 3.600 ai 75.000 euro, comprensivi di interessi e imposte.

Entrambi i prestiti – personale e cessione del quinto – possono essere richiesti da coloro che possiedono una pensione di anzianità, di vecchiaia o di reversibilità. Non possono essere concessi in caso di pensioni e assegni sociali, invalidità civili, assegni mensili per l’assistenza ai pensionati per inabilità, assegni di sostegno al reddito bancario e assegni al nucleo finanziario.

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Prestiti, condizioni favorevoli anche per i pensionati Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Numero verde 800-97.97.90
PRESTITI PERSONALI
Importo richiesto
 Euro
Durata del finanziamento
mesi
Finalità del finanziamento
Assicurazione
Anno di nascita
Tipo di impiego
Impiego attuale
Impiegato da
del
Domicilio