QuiFinanza
QuiFinanza
Prestiti personali  |  Cessione del quinto  |  Prestiti auto  |  Crediti revolving  |  Consolidamento debiti  |  Guide e strumenti
powered by PrestitiOnline

Il prestito personale

Il prestito personale è un prodotto di credito al consumo che prevede il finanziamento di una somma prefissata ad un tasso di interesse fisso, e rimborsabile secondo un piano di ammortamento a rate costanti. Rappresenta la forma di finanziamento più diffusa in Italia e, nonostante una leggera flessione, resiste ancora alle conseguenze della crisi economica.

FINALITÀ

Il vantaggio è che si tratta di un prestito non finalizzato, e quindi lo si può richiedere senza dover giustificare l’utilizzo che si farà del finanziamento ottenuto. La sua erogazione non è dunque subordinata all’acquisto di un bene o di un servizio specifico, e la banca ne dà disponibilità direttamente al cliente che ne fa richiesta, senza l’intermediazione di un venditore convenzionato.

Pur trattandosi di un finanziamento non finalizzato, è consigliabile comunicare all’Istituto finanziario come sarà speso l’importo richiesto (fornendo anche un preventivo controfirmato dal negoziante, se possibile). In questi casi, non vi è alcun rapporto tra contratto di credito e contratto di compravendita né vi è un rapporto di collaborazione tra venditore e finanziatore, ma fornendo queste informazioni è possibile ottenere dei tassi più vantaggiosi dall’istituto erogante. In questo senso di seguito è possibile accedere alle guide di dettaglio dei maggiori prestiti personali declinati secondo specifiche finalità:

CANALE DISTRIBUTIVO

È possibile richiedere un prestito personale rivolgendosi a vari canali distributivi: banche, istituti finanziari, il web, dove il vantaggio è costituito dal fatto che le offerte sono numerose, più facilmente comparabili e hanno tempi di erogazione più brevi. Se invece si decide di rivolgersi ai canali tradizionali è importante sapere che una banca spesso impiega un tempo più lungo per l’erogazione del prestito rispetto agli intermediari finanziari, offrendo però, spesso, condizioni più favorevoli.

Le maggiori finanziarie operanti nel settore sono le seguenti:

  • Agos Ducato S.p.A. del gruppo Crédit Agricole e con una partecipazione del 39% di Banco Popolare;
  • Fiditalia S.p.A. del Gruppo Société Générale;
  • Findomestic Banca S.p.A., banca italiana specializzata nel credito alle famiglie;
  • Unicredit Family Financing, divisione per i finanziamenti alle famiglie di Unicredit Banca, che distribuisce attraverso le filiali del Gruppo Unicredit;
  • Compass S.p.A., finanziaria del gruppo Mediobanca che distribuisce attraverso una propria rete di vendita;
  • BVA Finanzia, società relativamente giovane sul mercato italiano e appartenente al gruppo spagnolo BBVA
  • Cofidis S.p.A. appartenente al Gruppo europero Cofidis Participations, presente in una decina di Paesi europei.

GLI ELEMENTI DEL CONTRATTO

Il contratto di prestito deve essere stipulato in forma scritta e contenere le seguenti informazioni:

  • Indicazione esatta della somma erogata
  • Tasso di interesse praticato
  • Indicazione specifica del tasso annuo effettivo globale (TAEG)
  • Eventuali costi e commissioni connesse al contratto
  • Spese di istruttoria e oneri accessori, come le spese di invio rendiconto periodico, eventuali spese di assicurazione e costi relativi al ritardo nei pagamenti
  • Ammontare delle rate e la loro scadenza
  • Indicazione delle eventuali garanzie e assicurazioni richieste

TIPOLOGIA RICHIEDENTE

Gli istituti finanziari adottano criteri propri per la valutazione di una richiesta di credito personale, nell’ambito di direttive generali e norme disposte da Banca d’Italia.
In linea di principio, il prestito può essere richiesto da persone di età compresa tra i 18 e i 70 anni, con “capacità di rimborso”, che possano quindi esibire la busta paga, la dichiarazione dei redditi o il cedolino della pensione nel caso di lavoratori dipendenti, autonomi o di pensionati, rispettivamente.

Gli importi richiedibili per un prestito personale di solito non superano i 30.000 euro e la restituzione della somma può variare da 12 a 120 mesi.

TASSI E SOGLIE DI USURA

Ogni trimestre Banca d’Italia pubblica le informazioni relative ai tassi d’interesse effettivi globali medi (TEGM) e i tassi massimi ai fini dell’usura per ciascuna tipologia di prodotto finanziario (dagli scoperti in conto corrente, ai crediti personali, fino ai mutui a tasso fisso e variabile). Per i prestiti personali nel trimestre 1 aprile – 30 giugno 2013 il tasso medio dei crediti personali si attesta al 12,10%, mentre il limite per il tasso di soglia di usura è il 19,125%.
In base al “decreto sviluppo” del 2011 il metodo di calcolo del tasso di usura viene così determinato: TEGM x 1,25 + 4 (dove il tasso di usura meno il tasso medio è minore di 8).

Quando si sceglie il prestito più adeguato alle proprie esigenze bisogna considerare non solo il tasso annuo nominale (TAN) , ma anche il tasso annuo effettivo globale (TAEG) , che riporta il costo effettivo totale del prestito. È l’indicatore che comprende, oltre agli interessi, i costi e gli oneri accessori.
Solo considerando il TAEG è possibile fare una comparazione trasparente dei prodotti offerti, di pari importo e durata.

GARANZIE OFFERTE

In genere la concessione di un prestito personale non è subordinata alla presentazione di garanzie reali (ovvero diritti di pegno o ipoteca su beni di proprietà del richiedente). Tuttavia, al fine di limitare il rischio di insolvenza da parte di chi usufruisce del finanziamento, gli istituti spesso richiedono la presenza di soggetti che garantiscano il pagamento del finanziamento.
Si tratta di una prassi particolarmente diffusa, soprattutto a fronte di una somma richiesta particolarmente elevata, o in presenza di un soggetto con un’anzianità lavorativa particolarmente recente.
Si può quindi optare per un coobbligato, che condivide la responsabilità del credito, o per un fideiussore, solitamente un familiare del debitore, che si assume le responsabilità in caso di inadempimento.

PRESENZA COPERTURE ASSICURATIVE

Esistono altre forme di garanzia, come l’autorizzazione a cedere una parte del proprio stipendio in caso di mora, o la stipula di una copertura assicurativa per far fronte ad eventuali rischi imprevisti come la morte, la malattia, l’invalidità permanente o la perdita temporanea del lavoro da parte del richiedente. Si tratta comunque di polizze facoltative, il cui costo è da tenere in conto, poiché contribuisce ad aumentare il costo complessivo del finanziamento.

MODALITÀ DI RIMBORSO

In genere la modalità di erogazione del prestito personale avviene con immissione di liquidità direttamente sul conto corrente del richiedente. Allo stesso modo, il rimborso viene gestito tramite pagamento delle rate direttamente dal conto corrente o, in alcuni casi, tramite l’emissione di bollettini postali.

È importante evitare sia il ritardo nel pagamento di una rata che un mancato pagamento della stessa. Nel primo caso l’istituto avvisa il consumatore, tramite l’invio del “preavviso di iscrizione”, del rischio che il suo nome possa essere segnalato alle Centrali rischi. Il debitore può quindi provvedere al pagamento immediato, per evitare di essere indicato come soggetto protestato.
Nel caso di mancato pagamento di una rata, invece, l’istituto creditizio può decidere di recedere unilateralmente dal contratto, imponendo al debitore il pagamento delle somme dovute e degli oneri incorsi per il recupero delle stesse, più una possibile penale.
Se si ha paura di incorrere in simili conseguenze, è possibile fare richiesta di un prestito flessibile, che preveda la possibilità di posticipare il pagamento di una o più rate senza incorrere in alcuna penale, o di stipulare un’assicurazione che intervenga a saldare il prestito in caso di invalidità permanente, malattia o perdita di lavoro da parte del contraente.

Su QuiFinanza Prestiti monitoriamo giorno per giorno le condizioni applicate a tutti i prestiti personali da banche e istituti finanziari convenzionati e aggiorniamo quotidianamente una tabella con le migliori offerte del giorno. In questo modo ai nostri clienti basta un solo clic per scoprire il prestito personale migliore di oggi. In alternativa, è possibile compilare il modulo e fare un preventivo  per confrontare tutti i prestiti personali fra loro e trovare quelli con le condizioni più vantaggiose: è semplice e veloce, e soprattutto gratuito e senza impegno.

icona credito al consumo
Per saperne di più sui diversi strumenti di credito al consumo:
Numero verde 800-97.97.90
PRESTITI PERSONALI
Importo richiesto
 Euro
Durata del finanziamento
mesi
Finalità del finanziamento
Assicurazione
Anno di nascita
Tipo di impiego
Impiego attuale
Impiegato da
del
Domicilio